Vittima 2° Guerra Mondiale

Ruggeri Ruggero

28 febbraio 1913 – 8 ottobre 1944

Note sintetiche

Causa della morte: Esecuzione

Occupazione: Sacerdote

Scheda

Ruggero Ruggeri, «Padre Mario M», da Salvatore; nato il 28 febbraio 1913 a S. Benedetto Val di Sambro. Nel 1943 residente a Ravenna. Padre carmelitano. 
Nel 1926 entrò nel Marianato carmelitano di Vittorio Veneto (TV) e nel 1933 passò nel Seminario fiorentino per il corso di Teologia. Ordinato sacerdote nel 1936 con il nome di Padre Mario, nel 1942 fu destinato al convento carmelitano di S. Giovanni Battista di Ravenna. Nel 1943 venne operato di un’ulcera gastrica, ma la sua salute non migliorò. 
Nel 1944 gli fu diagnosticato un tumore maligno allo stomaco e il 22 settembre 1944 ritornò a Scopeto (Sasso Marconi) per un periodo di convalescenza presso la sua famiglia. 
La mattina dell’8 ottobre 1944, mentre stava vestendosi per recarsi in parrocchia a celebrare messa, i tedeschi irruppero in casa e, senza neanche dargli il tempo di calzare le scarpe, lo trascinarono nella colonna dei rastrellati fra i quali c’era anche don Pasquale Broccadello. Per la sua cagionevole salute e per la difficoltà di inerpicarsi lungo i sentieri, resi vischiosi da una pioggia torrenziale, aiutato dai compagni di viaggio, riuscì stentatamente a seguire la colonna dei rastrellati. 
Passato a guado il torrente Oviletta, alle pendici di Monte Cervo, s’accasciò. Sotto le urla e le minacce degli aguzzini, con uno sforzo sovraumano si rialzò e raggiunse il maresciallo tedesco che, dopo avergli ordinato di fermarsi, lo ferì alla gola con due colpi di rivoltella. Ormai agonizzante, fra i rantoli, invocò l’aiuto di Dio. 
Don Broccadello, sfidando i tedeschi, gli impartì l’assoluzione e recitò il De Profundis. 
Il carnefice, chinatosi, gli sparò un colpo alla tempia e gli asportò l’orologio ed il portafoglio sotto gli occhi attoniti dei rastrellati. Il corpo, abbandonato sotto una quercia, venne recuperato dai parrocchiani su indicazione di don Broccadello, e sepolto nel cimitero di Tignano (Sasso Marconi) il 14 ottobre 1944. [AQ]

source: storiaememoriadibologna.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

To Top